Tra gli sport più antichi c’è sicuramente la ginnastica. Questa si è sviluppata storicamente grazie agli esercizi fisici che eseguivano i soldati dell’antica Grecia per tenersi in forma e migliorare la capacità di salire e scendere da cavallo, fino ad arrivare alle tecniche acrobatiche dei circhi. Gli sport compresi nel termine “ginnastica” sono diversi, ma tutti richiedono infatti doti cinestetiche, forza ed elasticità.

Le discipline riconosciute dalla federazione internazionale sono 6:

  1. Ginnastica artistica: è sia maschile che femminile. Le donne eseguono trave, parallele asimmetriche, volteggio e corpo libero con accompagnamento musicale. Gli uomini corpo libero, volteggio, sbarra, parallele simmetriche, cavallo con maniglie e anelli
  2. Ginnastica ritmica: solo femminile, prevede esercizi a corpo libero con accompagnamento musicale, da eseguirsi con palla, nastro, clavette, fune o cerchio
  3. Ginnastica acrobatica
  4. Trampolino elastico: prevede una serie di evoluzioni acrobatiche in volo. I ginnasti saltano su un tappeto elastico per eseguire salti carpiati e mortali secondo un programma obbligatorio oppure libero
  5. Ginnastica aerobica
  6. Ginnastica per tutti

Oltre a queste ci sono altre discipline disciplinate da federazioni continentali o nazionali, come la ginnastica attrezzistica, la ginnastica ritmica maschile, il TeamGym, il twirling, il tumbling.

Tra tutte queste, le sole discipline olimpiche sono la ginnastica artistica, ritmica, acrobatica e il trampolino elastico, mentre quelle che prevedono gare mondiali sono l’acrobatica, l’aerobica, la ritmica, l’artistica e il tumbling.

Gli appassionati di ginnastica in Italia sono molti, anche online. Abbiamo parlato con Giorgia Baldinacci, dell’Ufficio Comunicazione e Relazioni Esterne di Federazione Ginnastica d’Italia, che ci ha raccontato come vivono i social federazione e atleti.

La Federazione Ginnastica d’Italia è la più antica di tutte le Federazioni sportive italiane riconosciute dal Coni. Nel 2019 ha festeggiato il 150° anniversario dalla propria fondazione, celebrato con diversi eventi lungo tutto l’anno: dallo spettacolo al Teatro Fenice a Venezia, all’udienza con il Presidente della Repubblica Mattarella e con il Santo Padre. Nonostante sia la più antica, al tempo stesso è la più giovane se si considera l’età media dei nostri tesserati, per la maggior parte “millenial”, e degli appassionati che seguono la ginnatica (fascia di età media 18-24).

 

L’utilizzo dei social è fondamentale per la FGI, proprio in virtù del pubblico giovane al quale ci rivolgiamo. Le notizie, pur veicolate anche attraverso i canali classici di comunicazione (come il sito federale), riescono a raggiungere il nostro target e ad arrivare a destinazione soprattutto per mezzo dei social in particolare Facebook e Instagram: negli ultimi 12 mesi si è registrato un incremento di 6 mila “mi piace” su Facebook e di ben 20 mila followers su Instagram. I social sono inoltre un canale privilegiato per proporre spazi pubblicitari agli sponsor federali, che in questo modo riescono a ottenere un’importante visibilità nel nostro ambiente.

 

Trattandosi di ginnasti molto giovani, i nostri atleti utilizzano i social per veicolare la propria immagine, le attività sportive ma anche per condividere momenti di vita quotidiana tra allenamenti e sacrifici. Insomma, gli atleti sono molto attivi sulle nuove piattaforme: specialmente su Instagram, social preferito dai giovani, ma recentemente anche su Tik Tok, nuovo canale in fase di valutazione per le sue potenzialità. Importante, inoltre, è anche l’interazione dei ginnasti con i canali social della FGI attraverso la ricondivisione dei post e delle IG stories pubblicati dalla Federazione stessa.

 

In virtù del fatto che i social sono diventati il miglior canale di comunicazione per questo target di seguaci, i risultati più importanti si sono visti in concomitanza con svariati eventi sportivi o istituzionali del 2019. Questo ci ha permesso di incrementare il nostro seguito sui social. Inoltre Instagram si è rivelato il canale privilegiato per proporre al nostro pubblico alcuni progetti. In particolare durante la “Ginnastica in Festa” a Rimini.